E’ PRIMAVERA E NEI VIGNETI E’ TEMPO DI MONITORARE LA BIODIVERSITA’

Noi, agronomi di AGER, abbiamo illustrato agli agronomi di GAJA come indagare la biodiversità presente nelle loro vigne, mostrando loro i criteri adottati dai protocolli VITES. Gli abbiamo spiegato come impiegare i semplici protocolli di indagine per la valutazione della fertilità e della biodiversità dei suoli e degli ambienti di coltivazione.

Siamo stati prima nelle vigne di Barbaresco dove viene prodotto il prestigioso cru di Barbaresco, il Sorì Tildin, successivamente ci siamo spostati a Bolgheri, nell’azienda di Ca’ Marcanda.

Abbiamo valutato la presenza di lombrichi nel sottosuolo e impostato le trappole per monitorare insetti del suolo, impollinatori e farfalle.

Vigneti a Barbaresco

I numerosi lombrichi stanati sono indice di buona fertilità dei suoli

Le vigne di Bolgheri

vites

Agronomi al lavoro a Ca’ Marcanda (Bolgheri)